Zelenski approva nuove sanzioni contro dieci rappresentanti della Chiesa ortodossa e un ex parlamentare

Il
Il Presidente ucraino Volodimir Zelenski durante il suo discorso annuale al Parlamento a Kiev. – PRESIDENCIA DE UCRANIA

Il presidente ucraino Volodimir Zelensky ha approvato sanzioni contro dieci rappresentanti della Chiesa ortodossa e un ex parlamentare, misure punitive che includono il congelamento dei beni, come parte delle azioni di Kiev in risposta all’invasione russa.

La presidenza ucraina ha pubblicato sul proprio sito web un decreto che accetta la decisione del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale e sottolinea che «l’attuazione del decreto è nelle mani» del segretario dell’organismo. «Il presente decreto entra in vigore dal giorno della sua pubblicazione», conclude il documento.

Tra le persone sanzionate ci sono il vicario della Cattedrale della Santa Dormizione di Kiev, il metropolita di Visgorod e Chernobyl, quattro vescovi e l’arcivescovo di Rovenkiv e Sverdlovsk. Secondo l’agenzia di stampa ucraina UNIAN, anche l’ex parlamentare Vadim Novinski figura nella lista.

Il decreto è stato emesso un giorno dopo che Zelensky ha annunciato sanzioni contro 22 ecclesiastici russi per il presunto sostegno alla guerra. «Sono state imposte sanzioni contro 22 cittadini russi che, con il pretesto della spiritualità, sostengono il terrore e la politica genocida», ha dichiarato Zelensky.

L’Ucraina, che da diverse settimane sta effettuando perquisizioni nelle organizzazioni religiose, sostiene che tutte queste misure vengono attuate per garantire la sicurezza nazionale e perché la Chiesa ortodossa diffonde la propaganda russa e promuove la coscrizione, tra le altre azioni «sovversive».

Fonte: (EUROPA PRESS)