Un altro alto funzionario del Ministero della Difesa ucraino licenziato in seguito allo scandalo della corruzione nelle forniture

Archivio
Archivio – Il ministro della Difesa ucraino Oleksiy Reznikov – Boris Roessler/dpa

Le autorità ucraine hanno annunciato un nuovo licenziamento all’interno del Ministero della Difesa a seguito di uno scandalo di corruzione che ha coinvolto il presunto acquisto di razioni militari a prezzi gonfiati da parte del Ministero della Difesa, dopo che il presidente Volodimir Zelenski ha licenziato più di una dozzina di governatori, viceministri e persino un viceconsigliere.

Il capo della commissione anticorruzione del Parlamento ucraino, Anastasia Radina, ha dichiarato sul suo account Facebook che il capo del dipartimento acquisti del Ministero della Difesa, Bohdan Jmelnitski, «è stato licenziato», così come il vice ministro della Difesa Vyacheslav Shapovalov.

Il Ministro della Difesa Oleksiy Reznikov ha confermato che la consegna di cibo alle forze armate «viene effettuata sulla base dei contratti dello scorso anno». «Insieme ai colleghi, esamineremo i documenti e i prezzi», ha detto, prima di indicare una «riforma del sistema di approvvigionamento delle forniture per l’esercito».

Martedì Zelenski ha definito «necessaria» la decisione di licenziare più di una dozzina di alti funzionari sulla scia degli scandali. «Tutte le questioni interne che ostacolano lo Stato sono state eliminate e continueranno ad esserlo. È giusto, è necessario per la nostra difesa e aiuta il nostro avvicinamento alle istituzioni europee», ha dichiarato.

L’Ucraina è stata teatro di numerosi casi di corruzione in passato e Transparency International l’ha classificata al 122° posto su 180 nel suo sondaggio sulla percezione della corruzione nel 2021. La lotta contro questi crimini è anche una delle richieste principali dell’Unione Europea (UE) nel processo di possibile adesione al blocco, che la Russia rifiuta fermamente.

Fonte: (EUROPA PRESS)