Guterres avverte che l’uso strategico dei dati è essenziale contro il terrorismo

Archivio
Archivio – Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres – AAPIMAGE / DPA

Il Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha dichiarato mercoledì che il mondo è «un passo indietro» nella raccolta, nell’analisi e nell’uso strategico dei dati per combattere il terrorismo.

«Dobbiamo mettere gli strumenti e le strategie basate sui dati al centro del nostro approccio alla costruzione della pace e della sicurezza, compresi gli sforzi antiterrorismo», ha dichiarato durante il suo intervento alla nona riunione del Patto di coordinamento globale antiterrorismo delle Nazioni Unite.

Guterres ha inoltre affermato che le strategie antiterrorismo devono «riflettere un’ampia gamma di voci», sottolineando che la lotta al terrorismo «non deve mai essere usata come scusa per calpestare i diritti umani delle persone».

«Sebbene i terroristi e i criminali perseguano spesso agende e strategie diverse, entrambi si nutrono di crimini come il contrabbando di droga, il traffico di esseri umani e i finanziamenti illeciti. Le nostre risposte antiterrorismo devono essere un passo avanti», ha detto Guterres.

Ha affermato che l’uso dei dati è necessario «per valutare l’efficacia delle attività e delle politiche di prevenzione del terrorismo, soprattutto per garantire il rispetto dei diritti umani in ogni momento».

«Il terrorismo trova casa in un vuoto: un vuoto di sicurezza, di istituzioni politiche e civili efficaci, di opportunità e di speranza. Un vuoto di rispetto per i diritti umani, l’uguaglianza e la dignità, soprattutto per le minoranze, le donne e le ragazze», ha sottolineato nel suo discorso.

Infine, il Segretario generale ha dedicato alcune parole alle vittime del terrorismo, assicurando che dobbiamo ricordare coloro che sono stati feriti e sfollati da questa causa, oltre a mantenere le necessità delle vittime.

Fonte: (EUROPA PRESS)