Guaidó accusa Lula di rendere un «disservizio» alla democrazia se non si oppone a Maduro

Archivo
Archivo – Juan Guaidó. – JUAN CARLOS HERNANDEZ / ZUMA PRESS / CONTACTOPHOTO

Il leader dell’opposizione venezuelana Juan Guaidó ha accusato il presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva di fare un «disservizio» alla democrazia se continuerà, a suo dire, a non prendere posizione a favore dei diritti umani, il che significa disconoscere la legittimità del governo di Nicolás Maduro.

«Se Lula vuole difendere l’autodeterminazione del popolo, è necessario affrontare questo tema. Attaccarmi per fare aria fritta o non parlare di questo problema non aiuta la democrazia», ha detto Guaidó a proposito della presunta posizione del brasiliano di non condannare le violazioni dei diritti umani in Venezuela.

«Il presidente Lula sta rendendo un cattivo servizio alla democrazia non prendendo una posizione frontale a favore dei diritti umani e quindi della democrazia», ha dichiarato Guaidó in un’intervista al quotidiano «O Globo», in cui ha affermato che Lula ha attaccato la democrazia quando ha considerato «abominevole» la sua autoproclamazione a presidente in carica del Venezuela.

«Un presidente con 24 giorni di governo che minimizza o non si pronuncia sulla più grave crisi umanitaria mai vista nel continente, peggiore di quella di nazioni in guerra come Siria e Ucraina, non conosce il Venezuela», ha rimproverato.

In questo senso, ha anche criticato Lula per aver presumibilmente affrontato la situazione in Venezuela come una disputa tra destra e sinistra, dal momento che ciò che sta accadendo in quel Paese ha una «base terroristica» ed è «contro i diritti fondamentali».

«Si tratta di democrazia contro dittatura. Diritti umani contro crimini in Venezuela. Quando Lula è stato interpellato sul Venezuela e su Maduro, avrebbe dovuto parlare della necessità di giustizia e di elezioni libere, invece ha usato la retorica per posizionarsi contro la dittatura», ha detto.

Le critiche di Guaidó rispondono alla posizione di importanti leader della regione come lo stesso Lula o il presidente dell’Argentina, Alberto Fernández, affinché il Venezuela di Maduro possa tornare ad avere peso in spazi come la Comunità degli Stati Latinoamericani e dei Caraibi (Celac) o il Mercosur, da cui era stato espulso.

Per quanto riguarda la politica interna del Brasile, Guaidó ha scelto di girare intorno alla questione in punta di piedi quando nell’intervista gli è stato ricordato il suo sostegno a Jair Bolsonaro in campagna elettorale, paragonando gli attacchi dell’8 gennaio a Brasilia con quelli subiti dall’Assemblea venezuelana nel corso degli anni.

«Un attacco al Congresso è deplorevole in qualsiasi Paese. Negli ultimi sette anni questo è accaduto almeno tre volte nel mio Paese, con molta violenza, compresi i deputati feriti. Mi risulta che questo non sia accaduto in Brasile», ha detto.

«Per noi democrazia significa indipendenza tra i poteri, con pesi e contrappesi e rispetto delle istituzioni, ma se l’attacco al Parlamento brasiliano è deplorevole, anche l’attacco al Congresso venezuelano da parte di Maduro è deplorevole», ha confrontato il leader dell’opposizione.

Dopo tre anni in cui è stato riconosciuto da un’ampia gamma di Paesi come presidente in carica del Venezuela, una posizione priva di effetti giuridici che gli consentiva solo l’accesso ad alcuni beni in banche straniere, Guaidó ha finalmente perso questo status sia nella comunità internazionale che tra l’opposizione interna.

Alla fine dell’anno scorso, l’Assemblea Nazionale del 2055, composta dall’opposizione, ha votato la fine del suo «mandato» dopo che non ha raggiunto gli obiettivi previsti da coloro che lo avevano eletto nel 2019, che gli rimproverano, tra l’altro, di essere caduto nell’eccesso di burocrazia e nel gioco di pubbliche relazioni dell’apertura di «ambasciate».

La sua caduta di grazia è iniziata con i cambi di governo nella regione, che nell’ultimo anno hanno virato a sinistra, perdendo, tra gli altri, due dei suoi grandi sostenitori nel continente, il colombiano Iván Duque e il già citato Bolsonaro.

Fonte: (EUROPA PRESS)