Neonato ucciso dal blocco stradale durante le proteste in Perù

Agenti
Agenti della polizia antisommossa durante le proteste contro Dina Boluarte in Perù. – LUCAS AGUAYO ARAOS / DPA

L’Ufficio dell’Ombudsman del Perù ha denunciato mercoledì la morte di un bambino di quasi due anni che non ha potuto accedere alle cure mediche a causa di un blocco stradale causato dalle proteste anti-governative nella regione di Madre de Dios, nel Perù sud-orientale.

«Ci dispiace che (un) bambino di 1 anno e 9 mesi sia morto perché non ha avuto accesso a cure mediche tempestive. Secondo il Centro Sanitario San Jeronimo, è arrivato senza segni vitali. I familiari hanno dichiarato di aver cercato di trasferirlo dalla città di Mazuco, ma a causa dei blocchi stradali a Madre De Dios non è arrivato in tempo», ha affermato l’ufficio del difensore civico in una dichiarazione sul social network Twitter.

L’Ufficio del Mediatore ha ribadito il suo rifiuto di qualsiasi atto che impedisca il trasferimento di persone che necessitano di cure sanitarie urgenti.

Hanno inoltre invitato la popolazione a ricordare che il diritto alla protesta «si esercita pacificamente, senza ostacolare il transito delle ambulanze e del personale sanitario».

È la terza morte di un bambino dall’inizio delle proteste nel Paese. Il 9 gennaio, un neonato di 35 settimane è morto nell’ambulanza che lo trasportava in un ospedale regionale, dove era stato indirizzato a uno specialista a causa di insufficienza respiratoria e sepsi.

Inoltre, il 18 gennaio, un altro blocco stradale ha causato la perdita di un bambino prematuro di 28 settimane da parte di un’adolescente incinta che si stava recando in un centro sanitario, come confermato dalla Direzione sanitaria regionale (Geresa) della regione di La Libertad.

Fonte: (EUROPA PRESS)